___________linea d’ombra in psichiatria_________
I PROGRAMMI PER IL DISTURBO BIPOLARE
oltre la fase critica

Sabato 6 Novembre 2010
Ore 9.00 Hotel Esplanade
Piazza Giacomo Puccini, 8
55049 Viareggio
Segreteria scientifica: Manuela Garuglieri
0584 6955240  UOC Psichiatria Ospedale Versilia
Sono stati concessi 7 crediti ECM

Programma del convegno:

Ore 9  Saluti e apertura dei lavori
Oltre la fase critica
Moderano Matteo Balestrieri (Udine), Mario Di Fiorino (Viareggio)
.
Ore 9.30   Fabrizio Schifano (Londra)
Disturbo Bipolare e abuso di sostanze
Ore 10.15 Alessandro Del Debbio (Viareggio)
Temperamento e Personalità
Ore 11 Matteo Balestrieri (Udine)
La psicoeducazione
Ore 11.45 pausa
.
Agitazione psicomotoria  e tentativo di  suicidio,
Valutazione e gestione clinica
Moderano Andrea Fagiolini (Siena),
.
Ore 12.00  Mario Di Fiorino (Viareggio)
Violenza e suicidio. La  responsabilità professionale
Ore 12 .20 Francesco Simonetti (Massa)
Le rating scales
Ore 12.40 Jacopo Massei (Viareggio)
Valutazione e gestione clinica
.
Il trattamento farmacologico del Disturbo Bipolare

Ore 15 Andrea Fagiolini (Siena)
Un aggiornamento sul trattamento farmacologico
Ore 15.45  Bruno Pacciardi (Pisa)
50 anni di esperienza con i Sali di litio
16.30 Meeting experts
Confronto di opinioni: panel sull’impiego del litio nella pratica clinica
17.30 Conclusioni
.
Cristalli di Sali di Litio

Il dolore fisico è il sintomo più comune in tutta la medicina. Più della metà dei sintomi che i pazienti riferiscono al medico riguardano forme di dolore fisico. Nella popolazione generale una percentuale che arriva al 40% riferisce sintomi dolorosi persistenti, e fino al 15% dei sintomi riferiti sarebbero presenti quotidianamente (Leuchter et al 2009). Spesso la base organica di questi sintomi dolorosi non viene chiaramente ed esaurientemente definita (Marple et al 1997). Il dolore fisico e la depressione sono strettamente correlati, ma la natura di tale legame è particolarmente complessa. Da una parte pazienti con sindromi dolorose croniche su base organica di varia natura presentano molto frequentemente sintomi depressivi, dall’altra persone affette da depressione maggiore diventano estremamente sensibili agli stimoli dolorosi e riferiscono al medico algie di varia natura e localizzazione. In un recente studio gli autori concludevano che tra i pazienti affetti da depressione maggiore in media il 43,4% aveva riferito almeno un sintomo doloroso durante il corso del disturbo psichico. I sintomi fisici  dolorosi sono quindi molto frequenti nei pazienti con depressione, di cui peggiorano la qualità della vita e rendono più complesso il trattamento. Leggi il seguito »

Depressione e insonnia

scritto da il 14 settembre 2010

Sia la depressione che l’insonnia sono fenomeni tutt’altro che rari. La depressione colpisce un adulto su sette durante il corso della vita ed interessa mediamente un adulto su venti nella popolazione generale europea e statunitense. Circa un terzo della popolazione generale adulta riferisce di avere difficoltà ad iniziare o mantenere il sonno, e dal 9 al 15% degli adulti riferiscono di avere un sonno talmente disturbato da riportarne delle conseguenze negative durante l’ attività diurna. L’associazione tra la depressione e l’insonnia è stata costantemente osservata nei lavori sull’argomento, ma siamo ben lontani dall’avere chiarito il motivo e le eventuali implicazioni della alta frequenza con cui tali fenomeni si accompagnano. Sappiamo che gli individui che soffrono di insonnia hanno un rischio maggiore di sviluppare la malattia depressiva e sappiamo che gli individui affetti da depressione maggiore presentano insonnia fino all’80% dei casi. Un altro elemento consolidato è che gli individui che continuano a presentare insonnia al termine di una depressione hanno un  rischio più alto di presentare delle ricadute depressive. Da questo punto in poi le certezze finiscono: non sappiamo ancora quale specifico tipo di insonnia colpisca gli individui con depressione e non conosciamo ne’ le cause ne’ il significato delle compresenza di insonnia e depressione. Leggi il seguito »