Agitazione psicomotoria, nuove prospettive di trattamento

L’agitazione psicomotoria è una condizione patologica caratterizzata da un significativo aumento dell’attività ideativa, emotiva, motoria e / o comportamentale che può essere associata a una varietà di malattie psichiatriche e mediche
Le sue manifestazioni cliniche procedono lungo un continuum che va da una semplice accelerazione dell’ ideazione e del comportamento fino ad episodi veramente acuti e violenti
L’agitazione psicomotoria richiede un intervento precoce per controllare i sintomi, ridurre il rischio di lesioni e prevenire l’escalation e le sue pericolose conseguenze. Allo stesso tempo, è essenziale adottare un approccio globale che rispetti la dignità dei pazienti, coinvolgendoli il più possibile nelle decisioni terapeutiche.
In particolare, le preferenze del paziente dovrebbero essere accettate il più possibile e l’alleanza terapeutica dovrebbe essere preservata.
L’obiettivo principale della terapia farmacologica è quindi di calmare rapidamente il paziente senza eccessiva sedazione. Ciò consente di preservare la collaborazione con il paziente e di proseguire il percorso diagnostico e terapeutico in modo costruttivo.
Da questo punto di vista i nuovi farmaci disponibili per via inalatoria rappresentano un passo in avanti nel contesto del mantenimento dell’alleanza terapeutica.
In questa prospettiva riportiamo di seguito il lavoro appena uscito sull’impiego di Loxapina e le sue implicazioni per il trattamento dell’agitazione psicomotoria.
Siamo convinti che un’adeguata formazione e la continua informazione, assieme alla discussione ed alla costante rivalutazione dei risultati, siano le migliori modalità con cui ottenere un costante miglioramento dell’assistenza ai nostri pazienti.

Lascia un commento