Il riconoscimento e gestione dei sintomi somatici resta un tema centrale nella pratica clinica del medico. Il corso che si è svolto nella cornice delle colline senesi ha permesso a professionisti provenienti da varie regioni d’Italia di confrontarsi su questo tema.

thumb_IMG_2224_1024

thumb_IMG_2225_1024

Le diapositive della presentazione possono essere scaricate dal link che segue.

 

http://www.neurofarmacologia.net/wp-content/plugins/downloads-manager/img/icons/pdf.gif download: Somatizzazioni, Lucignano D'Arbia 2015 (1.96MB)
added: 18/05/2015
clicks: 87
description:

 

 

Il disturbo ossessivo compulsivo (DOC) è una malattia del pensiero e del comportamento caratterizzata dalla presenza di ossessioni e compulsioni che arrivano ad interferire con la vita della persona.
I pensieri ossessivi (idee che persistono nella mente o che ricorrono in modo eccessivo) di per se rappresentano un’esperienza umana tutt’altro che inconsueta e non necessariamente una malattia.
A tutti può capitare di avere idee immagini, pensieri o impulsi che vengono in mente senza volerlo e che ricorrono per un certo tempo. L’esempio più tipico è quello in cui ritornelli musicali, slogan pubblicitari o immagini televisive ci accompagnano durante la giornata. Nello stesso modo fanno parte dell’esperienza umana quotidiana i comportamenti compulsivi, cioè tutte quelle azioni che per qualche motivo ci sentiamo spinti a ripetere o a mettere in atto con una certa ritualità. Ad esempio uno studente può vestirsi sempre nello stesso modo prima di un esame o di un compito importante per assicurarne il successo, temendo che un cambiamento dell’abbigliamento possa compromettere la sua performance, oppure alcuni sportivi ripercorrono i gesti e gli atti che hanno accompagnato la vittoria nel desiderio che si ripetano. A tutti è capitato di controllare se abbiamo chiuso la macchina o il gas prima di andare a letto.
La patologia psichica comincia quando le idee ossessive e/o le compulsioni si presentano in modo tale da disturbare il soggetto, procurargli disagio e determinare una sensibile interferenza con il suo funzionamento lavorativo e sociale.incertezza Leggi il seguito »

Nel contesto del Master presso il dipartimento di psichiatria è stato affrontato l’argomento dell’agitazione psicomotoria. In particolare sono stati descritti gli aspetti del triage, i meccanismi causali e la sicurezza dei trattamenti. Sono state inoltre le caratteristiche peculiari dell’agitazione psicomotoria in alcune tipologie di pazienti che sono particolarmente a rischio del punto di vista medico generale (cosiddette “Special Populations”)
Il download delle diapositive del corso è disponibile questo link

http://www.neurofarmacologia.net/wp-content/plugins/downloads-manager/img/icons/pdf.gif download: agitazione psicomotoria master 2014 (9.10MB)
added: 23/10/2014
clicks: 792
description: caratteristiche, meccanismi causali, triage, sicurezza dei trattamenti nell'agitazione psicomotoria

L’articolo sul rapporto tra rischio di osteoporosi ed anoressia nervosa (Is osteoporosis risk in anorexia nervosa underestimated? A case report series) è, al momento, uno degli articoli più visti e scaricati dalla rivista Open Journal of Internal Medicine, con 1571 visite e 404 download.
Per quanto i dati riportati nel lavoro siano preliminari, la sua larga diffusione ci da la misura di quanto sia importante non trascurare i rischi che l’anoressia nervosa comporta. Medici e familiari dovrebbero ricordare che giovani pazienti affetti da anoressia nervosa ed in condizioni mediche generali apparentemente buone, possono in realtà essere ad alto rischio di fratture patologiche. In questo senso è dirimente il ruolo della valutazione osteodensitometrica.
Ci auguriamo che la ulteriore diffusione di questo articolo possa contribuire alla sicurezza dei nostri pazienti.

il link all’Open Journal of Internal Medicine:
http://www.scirp.org/journal/ojim/